COME MISURARE L’EFFICIENZA DELLA MESSA A TERRA

Come misurare l’efficienza della messa a terra

Considerazione preliminare, la tensione di rete ENEL ci viene portata fino a casa da una cabina di trasformazione a media tensione (es. 20.000 Volt a 230V tra fase e neutro e 400V tra fase e fase), dove il NEUTRO della distribuzione elettrica trifase, effettivamente viene messo a terra, nella cabina di trasformazione, con efficienti dispersori di terra.

Per cui poi nella distribuzione cosa succede, che per la fornitura di casa veniamo collegati con il contatore tra una delle tre FASI ed il NEUTRO e avremo così la fornitura a 230V. E se io sono a pochi metri dalla cabina di trasformazione (io sono con il mio contatore a circa 70 metri dalla cabina di trasformazione) la bassa caduta di tensione dovuta alla distanza mi permette di misurare tra la FASE e la mia MESSA A TERRA una tensione quasi uguale a quella che posso misurare tra la FASE ed il NEUTRO che è messo a terra nella distribuzione elettrica ENEL.

Anche se con un tester, possiamo solo provare a capire se la messa a terra c’è e renderci conto della sua efficienza, sicuramente non possiamo misurare la resistenza di terra del dispersore, ma avere un’idea di quanto sia efficiente, questo si. Anche una misurazione della resistenza tra NEUTRO e MESSA A TERRA ci può dare un’idea della sua efficienza (foto sopra misura appunto questo valore) Prima di effettuare la misura fare attenzione ad individuare il NEUTRO e poi collegare il tester.

Un modo semplice per verificare se in una presa di corrente sia presente la linea di messa a terra (PE) basta misurare la tensione tra la FASE e il centrale della presa di corrente che corrisponde alla MESSA A TERRA e ci renderemo conto se sia collegata a terra oppure no. Dovremo misurare più o meno la stessa tensione che esiste tra FASE e NEUTRO, sicuramente tra la FASE e la MESSA A TERRA misureremo qualche VOLT in meno, è normale ed dovuto alle cadute di tensioni della linea elettrica e alla resistenza elettrica reale della messa a terra ( qualche ohm).

Ma se misuramo ad esempio 0 VOLT, significa che non abbiamo su quella presa di corrente la messa a terra. Lo stesso se misuriamo 100 Volt o valori inferiori, sta a significare che non abbiamo una messa a terra efficiente oppure il dispersore conficcatto a terra si è marcito e non fa più il suo lavoro di messa a terra.

Attenzione alla scossa! Usare ogni precauzione utile alla sicurezza personale nelle misurazioni.

Saluti da Antonio IU8CRI

Precedente IMPIANTO FOTOVOLTAICO DA 3KW o 5KW Casa - Ufficio e Stazione Radio Successivo IL SALVAVITA E L'INTERRUTTORE MAGNETOTERMICO