Tre Modi per aggiornare il Firmware della DVMEGA

LA “Famosa” DVMEGA – CONOSCIAMOLA MEGLIO

Su questo Blog sono stati già pubblicati due articoli che riguardano l’aggiornamento del firmware della DVMEGA, con l’accoppiata  DVMEGA e BlueStack, “Firmware 3.14 DVMEGA e BlueStack – Aggiornamento” Articolo di Antonio Flammia IU8CRI e l’accoppiata DVMEGA e ARDUINO “DVMEGA flash del firmware con ARDUINO Uno”.

Il TERZO modo per aggiornare il Firmware sarà l’accoppiata DVMEGA e Raspberry PI, quindi aggiornare la DVMEGA direttamente da Raspberry, senza scollegarla ma semplicemente saldando un poticello cosi come propone il collega G0WFV dal suo sito, dichiarando che è una procedura eseguita da lui più volte. Questo articolo fa riferimento, alla pubblicazione originale in lingua inglese di G0WFV dal suo sito. (Copyright © 2016 Tony Corbett G0WFV).

Cito la fonte dell’articolo, perchè è giusto che sia così, ma altre pubblicazioni propongono la soluzione del collega G0WFV dal suo sito, ma senza citarne la fonte, in forma anonima, prendendosi il merito della soluzione proposta!

Le versioni hardware della DVMEGA, sono due, la versione UHF e la versione dual-band (VHF e UHF) e hanno una diversa posizione del poticello da installare (che è diverso da quanto proposto nel manuale della DVMEGA per il ponticello da saldare per l’aggiornamento del firmware con il Bluestack):

Ponticello per la versione DVMEGA UHF:

20160916_143908
Il filo saldato ad un DVMega single-band – il filo ritorna allo stesso punto sul GPIO4 / Pin7 del GPIO, come nella foto successiva.

Ponticello per la versione DVMEGA (VHF e UHF)

L’immagine qui sotto raffigura la DVMEGA dual band (VHF e UHF). Sulla DVMEGA singola banda (UHF) (l’immagine sopra) è possibile ottenere lo stesso risultato mediante saldatura al bordo inferiore del condensatore SMD (C45) a sinistra del chip ATMEGA328. In tutti i casi, il filo collega GPIO4 / Pin7 come mostrato nell’ immagine che segue.

Foto+12-03-16,+13+09+52
Saldare un filo tra il pin di reset del ATMEGA328 e GPIO4 / Pin7 del GPIO – foto di Giampiero, IW2ESL

Il passaggio successivo è la configurazione, necessaria, del Raspberry PI, per la fase successiva.

ATTENZIONE! Se si utilizza un Raspberry PI con una immagine, dove è attivo il software di G4KLX, disattivarlo, accertarsi che non stai funzionando.

ATTENZIONE NON E’ IL PONTICELLO PROPOSTO DALLE ISTRUZIONI DVMEGA PER AGGIORNARE IL FIRMWARE DELLA DVMEGA DA  Bluestack.

ct2jg
Raspberry Pi 40 Pin GPIO header

Passiamo adesso ai comandi da inviare dal Teminale del Raspberry per installare i software necessari per eseguire l’aggiornamento del Firmware della DVMEGA.

sudo apt-get update
sudo apt-get install git avrdude python-dev python-rpi.gpio
git clone https://github.com/openenergymonitor/avrdude-rpi.git
cd avrdude-rpi
sudo cp autoreset /usr/bin
sudo cp avrdude-autoreset /usr/bin
sudo mv /usr/bin/avrdude /usr/bin/avrdude-original
sudo ln -s /usr/bin/avrdude-autoreset /usr/bin/avrdude

Dopo aver verificato che nessun altro software stia tentando di utilizzare / dev / ttyAMA0 (come ser2net o MMDVMHost) è possibile flashare il firmware direttamente all’ ATMEGA328.

avrdude -p m328p -c arduino -P /dev/ttyAMA0 -b 115200
-F -U flash:w:<filename> -v

(Le due righe sopra rappresentate fanno parte di un’unico rigo di comando da immettere nel Terminale del Raspberry, non due comandi separati)

Dove filename è il nome del file del firmware che possibile scaricato da qui Link .

Ad esempio estrarre dal file scaricato dal sito della DVMEGA, il file zippato DVMEGA_RH_V314_UNO.zip e prelevare dalla cartella il file DVMEGA_RH_V314_UNO.cpp.hex  questo sarà filename nel comando da Terminale, lanciato per esegure l’aggiornamento del firmware.

Questo che segue è il comando completo da inviare dal Terminale, aperto con i diritti di amministratore (sudo su) dalla cartella che contiene il file di aggiornamento del firmware della DVMEGA alla versione 3.14.

avrdude -p m328p -c arduino -P /dev/ttyAMA0 -b 115200 -F -U flash:w:DVMEGA_RH_V314_UNO.cpp.hex -v

Nota di IU8CRI: Trattandosi di una procedura che richiede un minimo di esperienza nel campo elettronico, si sconsiglia a chi non ha dimestichezza in tal senso. Quindi viene declinata ogni responsabilità, gli eventuali danni non saranno imputabili all’autore del presente articolo.

Precedente Procedura installazione eseguibile per la DV4mini su Raspberry PI3 Successivo Hot-Spot domestico con IC-2820